Follow by Email

lunedì 23 aprile 2012

L'Assistente Sociale - Guida alle prove scritte per concorsi

Mi è giunta la segnalazione dalle edizioni Simone di un nuovo Manuale sulla figura dell'Assistente Sociale
Lo giro annotando una fortissima perplessità sul testo, per due motivi, l'un l'altro legati: è una guida ai concorsi e alle prove scritte, contiene quiz a risposta sintetica e, traggo da http://www.simone.it/catalogo/v312_1.htm quale presentazione del volume, offrendo, per ciascuna delle materie più ricorrenti nei bandi di concorso, una batteria di quesiti a risposta multipla ed una di quesiti a risposta sintetica. Essa è strutturata nelle seguenti sei sezioni:
- assistente sociale ed etica professionale (codice deontologico 2009);
- legislazione sociale e socio-sanitaria;
- nozioni di diritto costituzionale;
- nozioni di diritto amministrativo, ordinamento degli enti locali e pubblico impiego;
- nozioni di diritto civile e diritto penale;
- metodologie e tecniche del servizio sociale.
La seconda parte del volume, articolata in due sezioni, propone una serie di tracce svolte sulle tematiche più ricorrenti nelle prove d'esame e una raccolta di casi consistenti nell'elaborazione di progetti di intervento scelti cercando di offrire un campione di situazioni quanto più vario possibile.
Per l'elaborazione dei progetti di intervento sono stati forniti due diversi schemi di realizzazione: uno con caratteristiche didattiche e l'altro, invece, che ripropone uno degli strumenti utilizzati nella realtà dagli esperti del settore.
Il volume, grazie alla collaudata esperienza della Edizioni Simone nell'ambito dei concorsi, rappresenta un valido ed indispensabile sussidio, che, unitamente al volume n. 312 - L'assistente sociale - Manuale completo per la preparazione a concorsi e prove selettive, costituisce un'offerta didattica completa per affrontare con successo le prove d'esame.

Un solo commento: non è un manuale è solo una sintesi e nemmeno per ripassare.   Forse perché per gli assistenti sociali vale la pratica concreta, che non si può imparare sui libri, ma studiando sul caso concreto: le c.d. buone prassi.
Chi scrive è un giurista che da vari anni insegna diritto amministrativo al servizio sociale in Università Cattolica





Nessun commento:

Posta un commento